Blog ufficiale di Adriano Trento

dal sito ufficiale adrianotrento.com – link, news, info, internet

  • Calendario

    novembre: 2009
    L M M G V S D
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  
  • Categorie

  • Archivi

  • Questo blog ha avuto

    • 61.765 visitatori
  • Più cliccati

    • Nessuno.
  • Post più letti

  • 2010 agopuntura animali annunci apple arredare arte assicurazione assicurazioni auto Blog borsa calcio casa cellulare Cellulari Cinema cocktail Computer cucina cucinare cultura Curiosità dvd Economia eventi film finanza forum foto Fotografia games giochi google Gps hobby Internet iphone istruzione italia lavoro leggere libri link macchine mail medicina mobili modellismo navigare navigatori News notizie orologi ospedale ospedali ostensione pc religione ricamare ricette scuola Sindone software Sport studiare tech Tecnologia Tempo Libero torino traslocare Video videogames videogiochi web
  • Meta

  • Visite

iKee – il primo worm per iPhone

Posted by Adriano Trento su novembre 15, 2009

ikeeiKee – il primo worm per l’iPhone

Si chiama Ashley Towns, un programmatore che vive in Australia, attualmente è in cerca di occupazione. Forse per noia, forsa per diventare famoso, è riuscito a programmare il primo worm per iPhone. C’è da dire che il virus attacca solo i dispositivi sbloccati con il jailbroken, lo sblocco non ufficiale del dispositivo che permette l’installazione di programmi di terze parti, opperazione che un’altra volta si è rivelata pericolosa per la sicurezza del melafonino.
Il virus si chiama iKee e si sta diffondendo per ora solo in Australia, si installa tramite l’accesso con password di default per l’SSH: “alpine” e non ne esce più. Una volta installato cerca di infettare tutti gli iPhone che sono nel raggio d’azione. I danni sono in realtà molto contenuti, infatti iKee cambia lo sfondo mettendo la foto del cantante inglese Rick Astley e la scritta “iKee is never gonna give you up“ e subito dopo SHH viene disabilitato.
Il primo attacco è stato messo appunto il 4 novembre 2009 e come abbiamo detto i danni non sono distruttivi, ma non si esclude che un prossimo programmatore sia così cemente.
Per evitare di essere infettati è sufficiente non sbloccare l’iPhone oppure modificare la password alpine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: